Icone

                               
Formulario è un servizio gratuito. Aiutaci a mantenere aperta la partecipazione a tutti, semplicemente cliccando "Mi piace". A te non costa nulla, per noi vuol dire molto
Aggiungi Formulario ai preferiti premendo contemporanemante i tasti Ctrl + D

QUANDO DEVE ESSERE EMESSA LA FATTURA?


La fattura va emessa alla data dell’incasso del compenso (saldo o acconto).
La fattura, come documento valido ai fini IVA, non va confusa con la fattura pro-forma, che non comporta addebito di IVA, e che costituisce solo un pro-memoria al cliente. Questo tipo di documento è stato ammesso per evitare che il professionista emetta fattura e debba anticipare l’IVA quando il pagamento avviene qualche mese dopo l’emissione della fattura.
E’ importante ricordare che, se il cliente paga un acconto, esso va fatturato.
L’importanza di questa sottolineatura si spiega con la rilevanza, ai fini IVA e reddituali, di un acconto, mentre rimane irrilevante il “fondo spese”, che con la necessità di provare documentalmente tali circostanze in caso di verifica.
In caso di pagamento rateale la fatturazione avverrà in questo modo:
Compenso pattuito come da preventivo: euro 1.000, pagamento in tre rate.
All’incasso di ogni rata l’avvocato emetterà la fattura di Euro 333,33, oltre a C.P.A. ed IVA.

Acconto compenso come da incarico del….               333,33
C.P.A.                                                                     13,33
Imponibile                                                              346,66
IVA                                                                          72,80

Totale fattura                                                        419,46

Nessun commento:

Posta un commento