Icone

                               
Formulario è un servizio gratuito. Aiutaci a mantenere aperta la partecipazione a tutti, semplicemente cliccando "Mi piace". A te non costa nulla, per noi vuol dire molto
Aggiungi Formulario ai preferiti premendo contemporanemante i tasti Ctrl + D

Modello Accertamento tecnico infiltrazioni meteoriche

Modello Accertamento tecnico preventivo per infiltrazioni meteoriche (contro condominio)

ILL.MO SIG. PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI …
RICORSO PER ACCERTAMENTO TECNICO PREVENTIVO EX ART. 696 C.P.C.
Per la Sig.ra …, Cod. Fisc.: …, rappresentata e difesa, anche in via disgiunta, dagli Avvocati … (C.F.: …) e Roberto Migliaccio (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo Studio Legale … in …, giusta procura in calce al presente atto, con richiesta di inviarsi le comunicazioni di Cancelleria a mezzo fax all’utenza n. … ovvero a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo e-mail …
- ricorrente -
Contro
Condominio di …, in persona del suo amministratore e legale rappresentante pro tempore, con sede in …, via …, n. …
- resistente -
si espone quanto segue.
* * *
1) La ricorrente è proprietaria di un immobile sito in …, via … censito al … foglio … part. … sub … cat … piano … e del relativo terrazzo di copertura (doc. 1, certificazione di proprietà);
2) L’immobile citato è sottostante al terrazzo di copertura, il quale svolge funzione di copertura dell’intero fabbricato del Condominio resistente;
3) Il terrazzo di specie, è di tipologia latero-cementizia e presenta uno strato di asfalto minerale posato a caldo, coperto da un massetto e pavimentazione;
4) Lo stato superficiale del terrazzo è vetusto
5) Nei mesi di dicembre 2012 e gennaio 2013 si è verificato una infiltrazione massiva estesa al solaio di copertura dell’appartamento di cui al punto precedente, dovuto alle infiltrazioni piovane;
6) In particolare, nel dicembre 2012, la superficie del terrazzo è stata completamente allagata a causa del mancato deflusso delle acque meteoriche dall’unico punto di consegna alla fogna condominiale;
7) Invero, l’acqua, a causa della vetustà della pavimentazione, ha invaso l’intradosso del solaio arrecando danni e producendo infiltrazioni diffuse per tutta la superficie;
8) Invero lo strato superficiale del terrazzo è vetusto e danneggiato in più punti, e dunque permeabile a causa della sua vetustà;
9) D’altra parte l’acqua già infiltratasi lungo i cordoli è scesa lungo le pareti di diversi ambienti, provocando i seguenti danni (come riscontrabili nella perizia allegata, doc. 2, a firma dell’arch. …):
(i) Danno a cassette di derivazioni dell’impianto elettrico: l’acqua ha raggiunto il medesimo provocando un corto circuito nell’impianto e danni nell’ambiente cucina (danneggiando gli elettrodomestici quali il forno, la lavastoviglie, la lavatrice e uno split a parete, provocando il corto circuito altresì delle schede di controllo elettriche di tali elettrodomestici);
(ii) Due punti luce e sospensioni sono stati danneggiati in maniera irreversibile;
(iii) Il torrino scale di collegamento al terrazzo di copertura si è allagato, per il quale è necessario – peraltro – un urgente collegamento statico;
(iv) Il rigonfiamento della pavimentazione e dei cordoli hanno provocato un distacco della soletta dalla parete di chiusura;
(v) Il soffitto dell’intera superficie è completamente rignofio e presenta diversi punti di distacco;
(vi) Dalle giunture dei cordoli stanno affiorano efflorescenze e muffe diffuse;
10) I danni di specie devono ritenersi in misura non inferiore ad € 25.000,00;
11) Più volte parte ricorrente richiedeva l’intervento del Condominio resistente, senza ottenere alcuna risposta, e – dunque – non ha alternativa al procedere in giudizio, anche alla luce dell’urgenza degli interventi da effettuarsi, salvo ulteriori danni subendi, prima che inizi la stagione invernale (e, dunque, le correlate precipitazioni meteorologiche) per ottenere il risarcimento dei danni subiti nonché l’eliminazione delle cause di infiltrazione (la quale potrebbe ripetersi alla luce della vetustà del manto del terrazzo di copertura;
12) Invero il condominio ha solo proceduto alla nomina di un proprio consulente, Arch. …, il quale pure ha riscontrato la vetustà della copertura del terrazzo e consigliato interventi urgenti, ma non ha proceduto ulteriormente (doc. 3)
CONSIDERATO
13) che la ricorrente ha urgenza di effettuare i lavori di riparazione necessari;
14) che la ricorrente ha interesse ad adire la competente Autorità Giudiziaria per ottenere le valutazioni in ordine alle cause ed ai danni relativi all’oggetto della verifica per poi procedere al risarcimento del danno subito anche, a titolo non esaustivo, ai sensi degli articoli 1226 e 2051 c.c.;
15) che, pertanto, è intenzione della sig.ra … far verificare, prima del giudizio, la causa e l’entità del danno subito;
16) che per la causa di merito è competente codesto tribunale.
* * *
Tutto ciò premesso e considerato, la ricorrente, come sopra rappresentata e difesa
CHIEDE
che la S.V., in accoglimento del presente ricorso, voglia ammettere l’accertamento tecnico preventivo richiesto per i motivi specificati in narrativa e, quindi, nominare un consulente tecnico d’ufficio e fissare la data di inizio delle operazioni. Ciò affinchè il nominando CTU provveda, previa ispezione dell stato dei luoghi, all’accertamento delle cause e degli interventi da eseguire per l’eliminazione delle stesse, nonché alla descrizione ed alla quantificazione dei danni subiti e tenti eventualmente la composizione bonaria della lite
Si producono, mediante deposito in Cancelleria, i seguenti documenti:
1. Attestato proprietà immobile;
2. Perizia CTP arch. …;
3. Perizia arch. … (effettuata per conto del Condominio).
Ai sensi del DPR n. 115/2002, si dichiara che il presente procedimento ha un valore superiore ad € 5.200,00 ed inferiore ad € 26.000,00 ragion per cui si versa contributo unificato di € 206,00 e marca da bollo di € 8,00.
S.J.
Luogo, data e firma avvocato

Nessun commento:

Posta un commento