Icone

                                               
Formulario è un servizio gratuito. Aiutaci a mantenere aperta la partecipazione a tutti, semplicemente cliccando "Mi piace". A te non costa nulla, per noi vuol dire molto
Il nostro è un blog interattivo che grazie ad una serie di link ti consente l'agevole passaggio da una pagina di interesse all'altra, da un articolo all'altro articolo.

Aggiungi Formulario ai preferiti premendo contemporanemante i tasti Ctrl + D

Ricorso ex art. 447 bis c.p.c. (Norme applicabili alle controversie in materia di locazione, di comodato e di affitto): formulario

TRIUNALE DI ……………

Ricorso ex art. 447 bis c.p.c.

La Signora …………, nata a ………… (…..) il …….. (c.f. ………), residente in ……….., rappresentata e difesa, in virtù del mandato a margine del presente atto, dall’Avv. ………….. e con domicilio eletto presso il suo studio in ………., via ………… n. …., con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all'utenza n. ovvero a mezzo pec all'indirizzo email ...@....

Premesso

- che la ricorrente, interessata a costituire un associazione culturale avente ad oggetto principalmente la diffusione della cultura …………. con particolare riferimento alla musica, in data ………….. sottoscriveva con la società ………….. una “proposta di conduzione immobiliare” avente ad oggetto l’impegno a condurre in locazione un capannone di circa mq ……. sito nel Comune di ………….., via ……….. n. ……, che, possedendo le caratteristiche richieste, le era stato proposto (doc. 1);
- che contestualmente la Signora ……….. versava nelle mani del mediatore l’importo di € …………… da consegnare al locatore “al momento dell’eventuale firma del contratto di locazione” e chiedeva di poter esaminare la documentazione esistente (autorizzazioni, planimetrie, ecc.) (ancora doc. 1);
- che l’agenzia ……….. metteva quindi in relazione l’odierna ricorrente con la Signora ……………., locatrice del capannone oggetto della proposta di conduzione immobiliare;
- che da parte della Signora ………….. veniva sottoposto alla Signora …………, per la sottoscrizione, un contratto di sublocazione commerciale avente ad oggetto quel bene (doc. 2);
- che nel contratto, veniva specificata la destinazione “sportivo/culturale” dell’immobile locato, la durata, la decorrenza dal giorno ……….., e la decadenza automatica senza necessità di disdetta;
- che veniva inoltre pattuito il canone annuo di locazione in € ………… da versarsi in rate mensili anticipate di € ……….. ciascuna;
- che alla ulteriore richiesta della Signora …… di poter visionare la convenzione stipulata dalla proprietà con il Comune di ………. in data ………… richiamata all’art. 2) del contratto di locazione, la locatrice, impegnandosi a consegnargliene copia, sosteneva comunque che il contenuto della stessa non interferiva con lo stipulando contratto di sublocazione né che avrebbe pregiudicato la nota iniziativa imprenditoriale della Signora ……….;
- che nel frattempo la Signora ………… iniziava a raccogliere la documentazione necessaria all’iscrizione al C.S.E.N. (Centro Sportivo Educativo Nazionale) di …………., per poter così fruire dei vari benefici concessi alle associazioni sportive e culturali, e contestualmente reiterava alla locatrice la propria richiesta di ottenere copia della documentazione relativa all’immobile, in particolare insistendo per ottenere copia della convenzione con il Comune di ………….. e delle autorizzazioni igienico-sanitarie indispensabili allo scopo di procedere all’esecuzione di opere di rifacimento e ammodernamento delle fatiscenti strutture igieniche e per poter così rapidamente dare inizio al proprio progetto imprenditoriale;
- che quindi la ricorrente costituiva l’associazione sportiva, culturale e ricreativa “………….” (doc. 3) ed iniziava a raccogliere la documentazione necessaria all’esercizio della propria attività;
- che non ricevendo alcuna informazione da parte della locatrice, la ricorrente si attivava presso il Comune di ……….. ove, dopo una lunga serie di accessi, vari atti e corrispondenza, apprendeva che l’unica attività esercitabile nell’immobile locato è quella del gioco delle bocce essendo l’immobile in questione “vincolato”;
- che nonostante le molteplici richieste di chiarimento avanzate alla stessa locatrice, la Signora ……….. a seguito di numerosi accessi presso gli uffici comunali riusciva autonomamente ad entrare in possesso della “convenzione urbanistica” (doc. 4);
- che, compreso che da parte del Comune di ……………. nessuna deroga al vincolato “uso bocciodromo” sarebbe potuta intervenire, la Signora …………. denunciava immediatamente a mezzo dello scrivente procuratore quanto appreso e, comunicata alla locatrice l’intervenuta risoluzione del contratto di affitto per esserle state sottaciute circostanze che, se note, non l’avrebbero condotta a sottoscrivere il contratto, le richiedeva l’immediata restituzione del canone di € ………… versato oltre al risarcimento dei danni patiti quantificati forfetariamente in ulteriori € ………..;
- che si rende pertanto necessario adire l’intestato Ufficio allo scopo di ottenere tutela delle ragioni della Signora ……….. che, assolutamente in buona fede e confidando senza colpa alcuna nella validità del contratto sottoscritto con la Signora ……….. e sopra meglio indicato, ha subito un danno economico quantificato in € ………...

Alla luce di quanto sopra, il sottoscritto procuratore nella sua veste sopra indicata

R I C O R R E

all’Ill.ma Signoria Vostra affinché, previ incombenti di rito,voglia accogliere le seguenti

C O N C L U S I O N I

Nel merito, in principalità: “Dichiararsi la nullità del contratto di sublocazione stipulato tra le parti e meglio descritto in premessa, per impossibilità originaria della prestazione con conseguente condanna della locatrice, cui era noto il vincolo di destinazione d’uso gravante sull’immobile locato e l’esistenza del diritto d’uso costituito a favore del Comune di ………. ed era parimenti nota l’attività sportivo-ricreativo-culturale che la conduttrice avrebbe svolto nell’immobile locato, alla restituzione dell’importo di € ……….. versatole in data 17.04.2003 a titolo di canone di locazione, oltre all’importo di € ………… quale propria quota parte dell’imposta versata per la registrazione del contratto ed al risarcimento dei danni cagionati per avere confidato nella validità del contratto, che si quantificano in € ………. o in quella diversa somma che risulterà, anche in via equitativa, di giustizia. Con rifusione di spese, diritti ed onorari di causa”.
In via istruttoria: Ammettersi prova per interpello e testi sui seguenti capitoli:
1) “Vero che ...

Si indicano a testimoni i Signori ...
Si producono, mediante deposito in cancelleria i seguenti documenti: 1) proposta conduzione immobiliare …………; 2) contratto di sublocazione; 3) atto costitutivo e statuto “……..”; 4) convenzione urbanistica.

Con riserva di ulteriormente dedurre e produrre all’esito della costituzione avversaria ed a seguito del suo contegno difensivo.

Si dichiara che la presente controversia è in materia di locazione e che il relativo contributo unificato pari ad e 103,30 verrà corrisposto all’atto del deposito.

S.J.

Data                                                 Avv....

Nessun commento:

Posta un commento